Italian Artisan Wines, l’e-commerce di vini italiani in Cina

Italian Artisan Wines, l’e-commerce di vini italiani in Cina

Stefano Balsamo, ceo di Zixun China Advisor con sede ad Hong Kong, è il promotore di un nuovo e importante progetto finalizzato all’internazionalizzazione di una selezione di piccole e medie imprese italiane produttrici di vino.

A fine 2016 è stata lanciata la nuova piattaforma di e-commerce italianartisanwine.com, che vuole diventare in Italia, il punto di riferimento per una selezione di piccoli e medi produttori di vino italiano che ancora non hanno avviato e consolidato una strategia di export sui mercati cinesi e dall’altro lato diventare per il mercato cinese il punto di riferimento per conoscere e apprezzare vini italiani.

L’Italia anche nel 2016 si conferma primo produttore mondiale, un 2016 da record: secondo le prime proiezioni dell’Organizzazione internazionale della vigna e del vino sono stati prodotti 48,8 milioni di ettolitri, davanti alla Francia con 41,9 e alla Spagna con 37,8. Il mercato vale circa 9,7 miliardi di euro, di cui 5,582 il valore dell’export registrato nel 2016.

Tuttavia, nonostante l’Italia sia il primo produttore di vino al mondo e la Cina il 4° consumatore mondiale di vino, la domanda, tra l’altro in forte crescita, e l’offerta stentano a trovare punti di incontro, le difficoltà burocratiche, i dazi, la distribuzione commerciale, la lingua costituiscono delle barriere all’entrata talvolta insuperabili. In moli casi, per esempio, la mancata conoscenza delle differenze tra le norme cinesi e quelle italiane incide notevolmente sul buon esito di un affare in Cina.

Per i produttori italiani si aprono nuove opportunità con Italian Artisan Wine, il nostro Paese è infatti solo al 5° posto nell’export verso la Cina che importa vini per oltre 1 miliardo di euro (secondo dati Nomisma Wine Monitor).

Italianartisanwine è una piattaforma verticale, in duplice lingua, inglese e cinese, che offre servizi a 360°: dalle strategie di marketing e commerclali alla distribuzione, alla logistica fino a toccare tutti gli aspetti legali delle operazioni di export.

La piattaforma offre inoltre la possibilità per il consumatore cinese di organizzare un viaggio enogastronomico in Italia con l’obiettivo di acquisire l’heritage enologico e culturale, di conoscere i produttori e la storia della loro cantina, di vivere un’esperienza sensoriale esclusiva e comprendere come la cucina italiana può essere valorizzata con l’abbinamento del miglior vino.

Una strategia di sicuro successo, frutto di una ampia esperienza del fondatore nel settore food & beverage. Inoltre entro giugno è previsto lo sbarco su TMall la più grande piattaforma di e-commerce cinese, appartenente ad Alibaba Group, che offre a brand stranieri dei marketplace online, selezionando tuttavia solo coloro che detengono un marchio o le licenze per venderlo.

 

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi contrassegnati da un asterisco (*) sono obbligatori.

Cancel reply

Potrebbe interessarti anche...

Gli esperti

Appuntamenti

Gare d'Appalto

Seguici su Facebook

Letture consigliate

Business planning. Dall’idea al progetto imprenditoriale
di Cinzia Parolini

Strategie web per i mercati esteri
di Gabriele Carboni

Internazionalizzazione in Africa tra imprese, istituzioni pubbliche e organizzazioni no profit
di L. Ferrucci e G. Paciullo

Ultimi articoli inseriti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi